venerdì 30 dicembre 2016

Fiaba d'inverno


Scrivere fiabe è un modo per riordinare la realtà.
Perché le fiabe non insegnano che esistono i mostri. Le fiabe insegnano che i mostri possono essere sconfitti.
Il mostro peggiore, quello di cui abbiamo più paura, è il mostro che noi temiamo di avere dentro.

Così nasce La luna, lo spazzacamino, e quel bambino di fumo chiamato Dodò, una fiaba pubblicata a Natale sul "Corriere della Sera".
Ve la lascio qui, dedicandola a tutti coloro che hanno un Dodò, ma nessuno che sa vederlo.

"Accade che una sera, quando Aldo scese da una canna fumaria, apparve accanto a lui un bambino di fumo. Questo strano bimbo non era sporco. Era proprio fatto di fumo nerissimo e inafferrabile. Aldo protese le mani per toccarlo e il fumo si disperse nell'aria."

Leggi la fiaba qui: La luna e lo spazzacamino

mercoledì 16 novembre 2016

Leggevo, leggo, leggerò #3

Chi mi conosce sa che soffro di schizofrenia letteraria. Leggo di tutto, a seconda dell'umore o della necessità. Leggo per distrarmi, per divertirmi, per capire, per ritrovare qualcosa che avevo perso.
Capita spesso che nello stesso mese si alternino fiabe, classici di qualsiasi epoca, chick-lit, fantasy, saggi, bestseller internazionali o volumi meno sconosciuti.

Ecco i tre LLL della settimana.

Leggevo
Omero, Iliade

Quando ho compiuto sedici anni mi sono detta: leggerò tutti i libri di cui ho sempre sentito parlare ma che non ho mai aperto. Da allora divoro classici. L'Iliade, il libro-culla della nostra letteratura, non si era mai posata sul mio scaffale. L'ho fatto ora, amando la bellissima traduzione di Maria Grazia Ciani come potrei amare un uomo.
Sono note le parole di Ettore ad Andromaca, la  furia di Achille contro Ettore, la commozione di Achille di fronte a Priamo. Ma quanto sono belli anche alcuni brani meno conosciuti! Diomede che in battaglia ferisce Ares, il dio della guerra in persona! Paride che da Afrodite viene sottratto alla morte e, salvo e al sicuro, viene colto dal desiderio più naturale del mondo: fare l'amore con Elena. Elena, tragica figura inascoltata. Achille, malinconico e furioso, implacabile e consapevole del proprio destino.
Ecco, ora che ne parlo, mi viene voglia di rileggerla.

Leggo
Alessandro Piperno, Inseparabili

Mi vergogno un po' a dirlo, ma non avevo mai letto nulla di Piperno. Lo conosco solo per gli articoli che scrive per la "Lettura" del "Corriere della Sera". E che, manco a dirlo, sono pieni di quel misto di ironia e spessore che mi tiene inchiodata alla pagina.
Altra confessione: Gli Inseparabili, inizialmente, mi ha infastidito. Abituata all'umorismo più sottile ed equilibrato degli articoli, il romanzo mi sembrava alla ricerca della risata grossolana.
Poi mi ha catturato la capacità di Piperno di creare personaggi schizofrenici, drammatici, esilaranti e al tempo stesso coerenti. Le dinamiche di coppia sono insieme assurde e reali. Il ritmo incalza. Voglio sapere come va avanti.

Leggerò
Sul mio comodino si affollano libri che voglio leggere da una vita, e volumi che ho appena scoperto e mi hanno subito incuriosito. Tra questi, Vietato leggere all'inferno, di Roberto Gerilli. Conosciuto perché conosco la casa editrice, Speechless. Parla di un mondo dove la lettura è illegale. Se mi ci trovassi, sarei nei guai. 
Seguirà Elvira Serra: direi che è ora di lasciarmi trasportare dal vento.
E poi, visto che ultimamente mi sono appassionata alla psicologia e al tempo stesso all'Iliade, direi che potrebbe essere una bella trovata godermi l'Odissea e subito dopo Il complesso di Telemaco, di Massimo Recalcati, un saggio sul nostro tempo è sul nostro sentirci orfani di un padre (principio regolatore del cosmo) che non torna a darci una regolata.
E La dama e l'unicorno? L'ho trovato al Libraccio scontato del 50% e non ho saputo resistere.
Insomma, la mia lista è sempre difficile da smaltire.


E voi? Quali di questi libri conoscete? 
Cosa state leggendo in questo periodo?

mercoledì 28 settembre 2016

Una scrivania per uno scrittore


Io alla scrivania sulla mia terrazza
Per lavoro sono spesso fuori casa. Ho sempre con me l'iPad per buttare giù idee, bozze, articoli o racconti. Di solito scrivo sul pullman o in un bar, in treno o in un parco. Ma uno dei miei luoghi preferiti resta il terrazzo di casa mia.

Abito in un piccolo paese in provincia di Bergamo. Piccolo davvero, e in mezzo ai monti. Per dire, la sera c'è un unico locale aperto carino e attualmente è frequentato da ragazzini che hanno dieci anni in meno di me.
Però. Però la vista dalla mia terrazza resta uno dei panorami più belli da guardare tra una frase e l'altra.

Ci sono i monti lontano. È ancora presto perché si tingano di neve, ma posso già sentirla cadere. Il freddo che arriva mentre le giornate si accorciano. Vicino, le foglie del mio acero. Che non è la leopardiana siepe, ma penso che sia l'acero, in realtà, a ispirare le mie fiabe, perché con i suoi rami impedisce in parte la vista dei monti. E l'ispirazione, lo sapete, nasce da quel che non si può vedere.


E voi, dove scrivete? Aspetto le foto o le descrizioni delle nostre #scrivaniedascrittori!

mercoledì 21 settembre 2016

Il tempo per scrivere


Fare la giornalista significa viaggiare, osservare, scrivere. Come tutti i freelance, quando non sto lavorando ho la sensazione di sprecare tempo. C’è sempre qualcosa da vedere e annotare, c’è sempre un appunto da prendere per trasformarlo in un’idea per un articolo o un racconto.
Ma il tempo di cui si nutrono i racconti è il tempo dell’attesa.

Una volta mio padre mi ha chiesto: “Come fai a farti venire in mente una storia?”
Ho risposto: “Ci penso.”
Ma forse la risposta più onesta è: “Non ci penso affatto.”

Le storie (o almeno quelle di cui sono più soddisfatta) si formano nella pausa tra una lettura e l’altra. Tra una chiacchierata con un amico e un giro in centro per prendere un gelato e ascoltare le paure di un’amica.


Si può scrivere in viaggio. Adoro farlo. Ovunque io vada, ho sempre con me l’iPad e un bloc notes. L’inizio di questo post è stato scritto in autostrada, mentre un amico era alla guida e fuori diluviava. Ma la fine la sto scrivendo ora, a casa, quando della pioggia c’è solo il ricordo, la sua bellezza è già sfuggita.

L'immagine è tratta da L'estroverso

giovedì 8 settembre 2016

Buoni propositi per la fine dell'anno


Ok, i buoni propositi si fanno per l'anno nuovo. Ma forse nel mio caso è meglio iniziare ora.
Settembre per molti è già sinonimo di inizio: si rientra dalle vacanze e ci si rimette al lavoro, o si va a scuola o all'università.
Mi sembra un buon momento per fare il punto. Anzi, per farne tre.

1. Gisella, finisci di scrivere quel dannato libro
Niente è più difficile che scrivere la fine di un romanzo. Mancano poche pagine al mio nuovo progetto, e sono bloccata da una settimana. Questo accade perché la Gisella-scribacchina è fatta da tante Giselle. Quella che butta giù di getto e poi cancella tutto. Quella che scrive lentamente, con pensosa seriosità, e poi cancella tutto. Quella che, se scrive una frase di 100 parole, ne cambia 90. Quella che scrive un racconto con felicità e linearità, senza sbavature né ripensamenti. Ma questo accade una volta all'anno.


2. Aggiorna il blog
Quest'anno, tra la fine dell'università e il lavoro da giornalista, il blog è rimasto abbandonato alla più totale incuria. Ma (vedrete) da oggi lo aggiornerò più volte alla settimana. Diario di una scribacchina è come una casa: sono stata lontana troppo tempo, ma ora che sono tornata non voglio più stare via così a lungo.

3. A proposito, trova una casa
Ho finito l'università. Sto lavorando. Vorrei andare a vivere da sola o con dei coinquilini. Insomma, dopo aver vissuto a Pavia e a Stoccolma, il mio piccolo paese in provincia di Bergamo comincia a starmi stretto.
Certo, il Buon Proposito c'è. Ma sarà meglio fare due calcoli.

lunedì 5 settembre 2016

Leggevo, leggo, leggerò #2


Chi mi conosce sa che soffro di schizofrenia letteraria. Leggo di tutto, a seconda dell'umore o della necessità. Leggo per distrarmi, per divertirmi, per capire, per ritrovare qualcosa che avevo perso.

Capita spesso che nello stesso mese si alternino fiabe, classici di qualsiasi epoca, chick-lit, fantasy, saggi, bestseller internazionali o volumi meno sconosciuti.

Ecco i tre LLL della settimana.

Leggevo Ascolta il mio cuore, leggo Il processo e leggerò un inedito



Leggevo
Bianca Pitzorno, Ascolta il mio cuore, (Mondadori)
Rileggere un libro amato da bambina con la consapevolezza dell’adulta e lo stesso incanto. I libri di Bianca Pitzorno, come ogni classico, sono una delizia da riprendere in mano a tutte le età.

Leggo
Franz Kafka, Il processo, (Feltrinelli)
Straniante, ironico, cupo. Geniale.

Leggerò
Il libro scritto da una mia cara amica malvagia, che mi ha passato il suo romanzo inedito, ma deve ancora finire gli ultimi capitoli. So già che soffrirò aspettando la conclusione.

E voi? Quali di questi libri conoscete? 
Cosa state leggendo in questo periodo?


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...