mercoledì 27 novembre 2013

[Segnalazione in anteprima] Asphodel

Eccomi! Vi chiedo scusa se ultimamente sono sparita, ma il lavoro per la tesi sta assorbendo tutte le mie energie!
Oggi passo di qui rapidamente per parlarvi di un libro che è da un pezzo nella mia wishlist: Asphodel.

Ricordate Red carpet (la mia recensione qui), di Giorgia Penzo?
Asphodel è il secondo, e conclusivo, capitolo delle (dis)avventure di Elizabeth, che uscirà il 2 dicembre in formato ebook. La versione cartacea sarà, invece, disponibile da gennaio 2014.
Nell'attesa, scopriamo la copertina e la trama.

Titolo: Asphodel
Autrice: Giorgia Penzo
Editore: GDS
Prezzo: € 2.49 (ebook)
Dove acquistare il libro: la versione cartacea sarà disponibile sullo store dell’editore EditoriUniti GDS, su IBS e nelle librerie su prenotazione. L’ebook sarà disponibile nei principali store online. Per ora il romanzo è preordinabile su Kobo, Amazon, Feedbooks e iTunes.

TRAMA

È trascorso poco più di un anno dal processo davanti alla Corte di Erebo e, questa volta, i problemi per l’avvocato Scott piovono dall’alto: la Santa Sede vuole che l’Immortality Awaits Corporation chiuda i battenti, pena la scomunica per tutti coloro che entreranno in contatto con gli immortali.
Come se non bastasse, dopo una cena con Elizabeth, Ryan allontana violentemente la ragazza senza una ragione apparente.
Il suo oscuro passato tornerà a tormentarlo nelle vesti di una donna, antica quanto crudele, che stravolgerà le carte in tavola esigendo la vita di Lise. L’unica speranza di salvezza è ritrovare l’oggetto da cui la vampira è ossessionata, andato perduto da ormai seimila anni.
Per Ryan ed Elizabeth inizia una frenetica corsa contro il tempo, guidati dall’enigmatica profezia dell’Oracolo di Delfi: una ricerca che li porterà a far luce sui propri sentimenti e a scoprire quanto cedervi possa essere pericoloso.

Negli store online dal 2 dicembre

venerdì 22 novembre 2013

"Diario di pensieri persi" torna online

Buonasera a tutti!
Vi siete persi la notizia? Il blog letterario collettivo Diario di pensieri persi è tornato online, con con una nuova accattivante grafica, una rinnovata struttura del sito, e tante altre novità!


Sarà possibile consultare tutti gli articoli precedentemente inseriti con un sistema di archiviazione più razionale basato su sezioni tematiche: Libri (editoria, interviste, recensioni), Rubriche, News, Extra (animazione, cinema, serie TV e fumetti) e la sezione Focus dedicata ad approfondimenti di carattere generale.

Le Rubriche rappresentano una novità assoluta del nuovo sito. Segnalo Allois Ophtalmois, che si propone di svelare sfaccettature nascoste e ridare visibilità a segmenti della nostra civiltà letteraria a volte ignorati o trascurati; Le Rouge et le Noir, una rubrica per parlare in modo inedito e divertente di libri e cinema; Remainders è uno spazio dedicato ai libri che abbiamo accumulato e che non abbiamo ancora avuto l’opportunità di leggere, libri nuovi che con il passare del tempo sono diventati “vecchi”, che avremmo sempre voluto leggere; infine Surface, dove curiosando nel mutevole mondo dei libri avremo occasione di saggiare il dibattito culturale straniero attraverso le traduzioni integrali di articoli di giornali e siti web esteri.

Da ora è possibile iscriversi a una Newsletter mensile, poco invasiva, che raccoglierà i più interessanti contenuti del mese appena trascorso. L'iscrizione si può effettuare attraverso il form che si trova nel footer del sito. Sarà inoltre possibile commentare gli articoli anche tramite Facebook, grazie all’apposita casella collocata sotto a ogni post. Per ogni dubbio o necessità libresca, il servizio Personal Bookshopper è a disposizione di tutti i lettori.

Dopo quattro anni di attività, lo staff di Diario di Pensieri Persi imbocca un nuovo sentiero e mette a servizio dell’utenza (scrittori, editori e aziende) la propria esperienza e professionalità attraverso la sezione dedicata ai Servizi Editoriali. Un pacchetto completo che va dalla grafica alla correzione, dalla valutazione alla traduzione, dall’ufficio stampa alla consulenza, dalla costruzione di un sito web professionale all’editing. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare la sezione dedicata del sito: Servizi editoriali.

Voglio cogliere l'occasione per ricordare la Book Night Moon, la Notte bianca dei lettori organizzata da Diario di Pensieri Persi, a cui avevo partecipato con grande piacere.


Il riscontro di pubblico della prima edizione, a giugno 2013, e della seconda, a ottobre 2013 in occasione del quarto compleanno del blog, è stato tale da far sì che Diario ricevesse una menzione speciale al premio Il Maggio dei Libri 2013, terza edizione della campagna di promozione della lettura, organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura, in collaborazione con l'Associazione Italiana Editori, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO e della Conferenza delle Regioni.

lunedì 18 novembre 2013

BLOG TOUR - "Di me diranno che ho ucciso un angelo"

"Si può ancora dire qualcosa di antico sull’amore. Con parole appena sussurrate."

Per quelli che già lo conoscono, per quelli che ne hanno solo sentito parlare, e per quelli che esclameranno “Gisella chi?”, vi annuncio che il 25 novembre inizierà su Sweety Readers il blog tour di Di me diranno che ho ucciso un angelo (Rizzoli, maggio 2013).
Sette blog e altrettante tappe ospiteranno delle brevi video interviste, quattro sul romanzo e tre sulla sottoscritta, realizzate in un freddo pomeriggio d’autunno in riva a un fiume.
Ogni video sarà corredato da un articolo che conterrà approfondimenti e curiosità. Ci si chiederà che attori potrebbero interpretare i vari personaggi, oppure quale potrebbe essere la perfetta colonna sonora di Di me diranno che ho ucciso un angelo. Si parlerà di angeli confusi e sperduti, di fiabe, di fantasia, e d’amore. E di tanto altro ancora.
Vi aspettiamo!

TAPPE DEL TOUR

25 novembre:  Sweety Readers
Primo video sul romanzo e… alcuni brani tratti dal libro.

28 novembre: Sognando tra le righe
Secondo video sul romanzo e… un articolo che paragona Il piccolo principe a Di me diranno che ho ucciso un angelo: perché si somigliano, perché sono diversi?

2 dicembre: Il libro che pulsa
Terzo video sul romanzo e… colonna sonora ispirata al libro: che brani potrebbero essere adatti alle atmosfere di Di me diranno che ho ucciso un angelo?

5 dicembre: Stelle nell'Iperuranio
Quarto video sul romanzo… e una riflessione sui personaggi del libro.

9 dicembre:  Biblioteca dei sogni
Primo video su Gisella e… un articolo sulla crescita e sul tema della formazione.

12 dicembre:  I miei sogni tra le pagine
Secondo video su Gisella e… i possibili volti dei personaggi del libro!

16 dicembre: Dusty pages in Wonderland
Terzo video su Gisella e… un articolo sull’importanza delle fiabe e dei romanzi di fantasia ai giorni nostri.

19 dicembre: Agave delle cose vaganti
Conclusioni e... una piccola sorpresa.

Nell’attesa, vi ricordo la pagina facebook ufficiale:

giovedì 14 novembre 2013

Fiori d'Agave#3 - Citazione da "Il piccolo principe"

E' un periodo strano, confuso, caotico.
Come sapete, sono stata a Lucca (e non solo) per la promozione del mio romanzo, e nel frattempo io (e non solo) abbiamo preparato una piccola sorpresa che chi ha amato Di me diranno che ho ucciso un angelo non può proprio perdersi (settimana prossima ne vedrete delle belle!).
In tutto questo, mi mancano due settimane alla consegna della tesi e sto cercando di non impazzire, e sono rimasta indietro con le recensioni e le rubriche!

Ma oggi vorrei, in parte, riscattarmi, tornando con un nuovo appuntamento della rubrica Fiori d'Agave, e parlando questa volta di uno dei romanzi che ho amato di più... e che hanno segnato il mio modo di scrivere.


Ho conosciuto Il piccolo principe da piccola, ma come accade per tutti i racconti per bambini, ho potuto apprezzarlo veramente solo più tardi. I romanzi per l'infanzia, infatti, hanno la capacità unica di scavare nel senso profondo della vita con le parole leggere di una storia di fate.
E sono convinta che il senso delle cose si possa trovare solo nel reparto ragazzi di una libreria.
Come questa piccola perla.


Ma la volpe ritornò alla sua idea: «La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me .Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio per ciò. Ma se tu mi addomestichi la mia vita, sarà come illuminata. Conoscerò il rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi faranno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in
fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color d'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai
addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano…»

Nell'incontro tra la volpe e il piccolo principe si può leggere la bellezza di avere qualcuno di importante. Perché rimaniamo per sempre legati alle persone che ci hanno addomesticato.
Anche se quelle persone, forse, un giorno, se ne andranno, l'amore che si riceve è qualcosa che resta.
Ci resterà da amare il rumore del vento nel grano.
E non sarà poco.

Per approfondire, vi lascio,
come sempre, i dettagli sull'opera.

Autore: Antoine de Saint-Exupéry
Titolo: Il piccolo principe
Editore: Bompiani
Pagine:144
Prezzo: €7.90

Quarta di copertina

A cinquant'anni dalla pubblicazione negli Stati Uniti del libro, Il Piccolo principe è divenuto un longseller internazionale, un testo-chiave di formazione. Antoine de Saint-Exupéry, il suo autore, era un aviatore e un umanista: adorava volare e s'interessava agli uomini. Qualche mese dopo l'apparizione del suo capolavoro, scomparve in aereo sul Mar Mediterraneo. Ma la favola del ragazzino dai capelli d'oro continua.

 

E voi, conoscete questo libro? Avete qualche frase preferita?

lunedì 4 novembre 2013

Lucca Comics 2013: persone strambe e sogni intrecciati

Di ritorno da quattro giorni intensi, affollati, e vagamente deliranti.

Martedì scorso la telefonata dagli organizzatori del Lucca Comics: "Ti va di cenare con Francesco Gungui e Lucia Vaccarino?"
E me lo chiedete?!
Parto da Pavia, e naturalmente il mio treno è in ritardo e manco la coincidenza. Mi dispero per cinque minuti, poi prendo il treno successivo.
Arrivo a Lucca verso le nove di sera e cerco di non perdermi arrancando con la valigia verso lo splendido Hotel Universo. Lì, nella hall, tutto tranquillo a leggere, c'è Francesco. Lo riconosco, ma per evitare una delle mie solite gaffe faccio finta di niente e attraverso la hall a passo spedito. Alla receptionist dico, con la voce più alta che mi riesce: "Sono Gisella, Gisella Laterza". Allora Francesco si alza, ci presentiamo, ci stringiamo la mano e prima che io vada al piano di sopra a portare la valigia, mi lascia una busta che gli è stata data per me dagli organizzatori del Lucca Comics.

Arrivo nella mia stanza e apro la busta come una bimba aprirebbe un pacchetto di Natale. E c'è la meraviglia che vede qui sopra: il pass degli ospiti! Non credevo che ne avrei mai visto uno del Lucca Comics con il mio nome sopra!
Dopo aver gongolato senza ritegno, scendo a cena. Lucia, il cui treno è persino più in ritardo del mio, arriva mezzora dopo di me. E la cena comincia. E noi chiacchieriamo di tortino ai funghi e di editoria, di vino bianco e di angeli e demoni.

E' in quel momento che mi accorgo che ho sempre vissuto la scrittura come qualcosa di solitario, qualcosa che facevo per me, chiusa nella torre dei miei pensieri. Ma parlarne con questi professionisti, che nella scrittura sono immersi da dieci anni, mi ha fatto sentire tutta la bellezza di questo lavoro.

E l'ho sentita soprattutto il giorno dopo.
Quando ho presentato il mio romanzo nella Sala Ingellis.
Le foto dell'evento, moderato da Mario Pasqualotto, sono state messe sulla pagina ufficiale del libro Di me diranno che ho ucciso un angelo, ma ne inserisco qui una mentre faccio rotolare le mie parole.

Emozionata? Sì, lo ero.
Ma soprattutto felice.
Perché Mario è un grande e il dialogo con lui è venuto spontaneo, divertente, profondo.
Perché il pubblico in sala mi guardava attento - soprattutto i ragazzi presenti, che non distoglievano lo sguardo, che afferravano ogni parola.
Perché nel pubblico c'era anche un mio caro amico che credevo di aver perso, ma che si è rivelato il compagno di viaggio di questa avventura ("Puoi fare un castello con legni spezzati e barattoli rotti", non è vero?).

E in quell'istante ho capito perché ho voluto pubblicare un libro.


"Scrivere è il piacere profondo, essere letti è quello superficiale",
dice Virginia Woolf.
Ma per una volta, anche la Maestra si sbaglia.

Perché un libro non ha senso, se non viene letto.
Un angelo rimane un angelo solitario, se non si lascia raggiungere.

E giovedì mattina sono stata raggiunta da tante mani tese ad accogliere e ad abbracciare i miei sogni.

Ma non finisce qui!
Dopo la mia presentazione, è seguita quella di Francesco e poi siamo volati (passatemi il termine :P) allo stand Rizzoli per la firma copie.
Eccoci in una foto, io con il mio angelo e Francesco con il suo Inferno. Ironia!

La giornata è continuata con un pranzo con Francesco (praticamente l'ho stalkerato la sera di mercoledì e tutto giovedì!), due editor della Rizzoli, Claudia ed Elisabetta, e il mio amico.
A pranzo si è parlato di progetti, alcuni semiseri, altri interessanti e che - chissà - forse vedranno la luce! Poi, nel pomeriggio, c'è stata l'intervista di Fantasy On Air (che spero sia rintracciabile da qualche parte, perché ci sono stati momenti di puro delirio che hanno fatto morir dalle risate tutti - la mia editor compresa)!

Ma qui il tempo stringe e devo correre a scrivere la tesi! Scivolo rapidamente verso venerdì, quando ho incontrato una ragazzina straordinaria che mi segue da tempo, che legge le mie storie, che capisce i miei personaggi... e che quando finalmente ci siamo viste dal vivo, ha stentato a credere che io fossi reale!
Grazie, Franci. Non potevo non mettere anche la nostra foto!


Verso sera, poi, tavola rotonda del fantasy italiano, a cui ho partecipato (da spettatrice!) e a cui è seguita la premiazione del concorso Chrysalide. Non ho vinto, ma come sapete sono comunque arrivata tra i finalisti su più di settecento racconti, e se siete curiosi, a breve potrete leggere il mio, Rosa tra le rose, su www.fantasymagazine.it.

Arriviamo poi a sabato, e a un incontro con due grandi del fantasy italiano: Luca Tarenzi e Aislinn! Volevo saltar loro addosso da tempo, e finalmente ci sono riuscita! Un caffè al volo durante il giorno, e poi a cena insieme la sera. Anche qui, risate a non finire (e io che vi credevo due persone "serie"!) e tanti, tanti progetti. Ne abbiamo parecchi in serbo per voi: stay tuned! Memorizzate queste tre facce insieme, perché le vedrete all together ancora, e ancora...


Ecco.
Questo più o meno è stato il mio Lucca Comics 2013.
E' finito, ed è con una certa malinconia che sono salito sul treno del ritorno.
Ma so che è stato l'inizio di tante altre grandi avventure.

Come sempre, avrò dimenticato mille dettagli.
E, come spesso accade, alcune delle cose più belle non si possono raccontare.
Un abbraccio,
Gisella

ALTRI RESOCONTI DI LUCCA

Mad Dog, che mi ha dato il Premio Miglior Bellezza Emergente del Fantasy Italiano (ma LOL)
Aislinn, frequentatrice, come me, di angeli insoliti.
Miglior Bellezza Emergente del Fantasy Italiano
Miglior Bellezza Emergente del Fantasy Italiano
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...